Regolamento di Pesca nel Parco dell’Adamello

Regolamento per l’attività della pesca nel Parco dell’Adamello

All’interno del Parco Naturale dell’Adamello istituito con Legge regionale 1 dicembre 2003, n° 23 la pesca è vietata, fatta eccezione per i laghi artificiali di seguto elencati, con eslusione dei torrenti
affluenti ed effluenti ricadenti nel Parco naturale: lago d’Arno; lago Salarno; lago Dosazzo; lago Miller; lago Baitone; lago Aviolo; lago Venerocolo; lago Pantano d’Avio; lago Benedetto; lago d’Avio; laghetto d’Avio. In tali corpi idrici artificiali è consentito pescare dal 1° giugno al 30 settembre e, per ogni giornata di pesca, non è possibile prelevare più di tre esemplari di pesce, ciascuno comunque di dimensioni minime di centimetri 25. E’ comunque vietata la pesca con larva di mosca carnaria (cagnotto) e uova di salmone, o loro imitazioni.
Tutti i laghi e torrenti compresi nel Parco naturale in cui la pesca non è espressamente consentita dal presente articolo sono considerati ambienti da proteggere integralmente, nei quali vige il divieto di immissioni di fauna ittica e di pesca.

All’interno del Parco Regionale dell’Adamello è in vigore il Regolamento 2022 Bacino di Pesca 10 – Vallecamonica.